catturare-attenzione-pubblicità
Segui gli ultimi esperimenti

Ogni settimana testiamo più di 3 strategie nuove sui nostri clienti

Vuoi conoscerle?

Come Catturare l’attenzione dei tuoi utenti nel 2021

Tabella dei Contenuti

Hai 3 secondi
 
se non li fermi, li hai persi per sempre.
 
Loro non ti aspetteranno, e nemmeno si accorgeranno di te.
 
é la triste e cruda verità, non c’è budget o sconto che tenga.
 
Come puoi interrompere la loro corsa?
 
Come puoi far sentire la tua voce in mezzo a una folla che urla ininterrottamente?
 
Nell’era dei 3 secondi, dove la soglia di attenzione è ai minimi storici
 
comprendere come catturare l’attenzione e conquistarla
 
è la skill di questo millennio.
 

Il Problema

 
Oggi più che mai siamo bombardati da mille messaggi, email, banner, advertising etc
 
Questo lo sanno tutti,
 
le aziende per questo motivo ogni giorno si ingegnano nel creare migliori pubblicità più “ingaggianti”.
 
Vuoi sapere the next big thing? (mia visione)
 
Fare il test-drive da casa della tua futura automobile tramite VR dopo che hai cliccato la pubblicità da qualche parte
 
Semplice. Comodo. Attenzione alle stelle.
 
e tac…acquistare la macchina e riceverla 48h dopo, tutto da casa.
 
Questa realtà aumentata sono sicuro che ci sfuggirà di mano…
 
così come quel poco di attenzione che c’è rimasta.
 

Perchè è così importante catturare l’attenzione?

 
In Italia, con un po’ di ritardo, avrai notato anche tu che è partita la moda di lanciare Podcast
 
lo fanno tutti: attori, influencer, marketer, medici, astronauti
 
ma se ti chiedessi al volo 3 nomi di podcast sapresti rispondermi?
 
3…2….1…aiuto da casa?
 
nel mentre Joe Rogan ha incassato $100 milioni da Spotify per l’esclusiva del podcast
 
Adesso vedila da un punto di vista di pubblicità
 
Spenderesti mai centinaia di migliaia di euro di budget pubblicitario per una campagna che non converte?
 
La risposta è scontata.
 
Se dobbiamo promuovere un prodotto o far vedere i nostri contenuti, non basta più la spinta pubblicitaria.
 
Abbiamo bisogno dell’attenzione del nostro pubblico per farli prima consumare questi contenuti,
 
e infine convertire.
 
No attention. No intention
 

I fattori chiave dell’attenzione

 
Si parla sempre di mettere il giusto messaggio di fronte alle giuste persone nel giusto tempo,
 
Tutto bello, se non fosse che poi nella pratica questo non è semplice.
 
Voglio darti però i fattori chiave che ritengo indispensabili per catturare l’attenzione
 
Eccoli:
 
Contesto, Rilevanza, Tempistica
 

Partiamo dal contesto

 
Come essere umani, il nostro comportamento e le nostre azioni sono influenzate dal contesto esterno che viviamo.
 
In poche parole, quello che accade vicino e lontano da noi
 
Guarda la pandemia che stiamo vivendo e il modo in cui ha cambiato le nostre abitudini e come tutto ciò ci influenza a livello psicologico.
 
Alcuni prodotti e servizi hanno preso una bella mazzata,
 
altri stanno letteralmente esplodendo.
 
È molto importante quindi, quando facciamo pubblicità o semplicemente scriviamo un testo,
 
Contestualizzarlo su quello che sta accadendo
 
Facciamo una prova?
 
In questo momento, novembre 2020: 
 
  • siamo ancora in piena pandemia
 
  • l’economia non è stabile
 
  • è arrivato il freddo
 
  • nel mondo ne sono successe di tutte
 
  • manca poco a Natale
 
  • black friday is coming
 
Metti che dobbiamo vendere per un’azienda un bracciale da donna, anche di un certo valore
 
Il copy dell’annuncio è insieme alla parte creativa uno dei massimi catalizzatori dell’attenzione:
 
deve far sognare chi lo indossa, che come sappiamo bene, non compra per il gusto di comprare quel bracciale
 
o meglio questo aspetto lo usa razionalmente dopo per giustificare la spesa,
 
ma inconsciamente sta comprando per:
 
  • farlo vedere alle amiche durante le uscite future
 
  • acquistare o confermare una certa immagine sociale
 
  • avere un certo appeal verso il proprio compagno/marito
 
  • essere la mamma più cool del vicinato/tra i vicini
 
senza contare che:
 
  • molte persone sono in smartworking
 
In tutto questo il contesto assume grande importanza
 
ma come fare allora ad amalgamare contesto e prodotto? (+ rilevanza + tempistiche)
 
Beh la prima cosa che mi viene in mente è:
 
  • Tra poco sarà Natale (contesto) e questo è senza dubbio uno di quei prodotti che possono essere desiderati come regalo (e da indossare al cenone virtuale, ahimè)
 
  • e tra l’altro siamo alle porte del black friday (contesto)
 
  • Il fatto che siamo in smartworking fa pensare alle diverse call tra colleghi e clienti (contesto)
 
questo cosa vuol dire?
 
che dovremo essere vestiti in un certo modo
 
e che se c’è una cosa che noi italiani usiamo spessissimo nel comunicare, sono proprio le mani
 
Ecco un framework: Mani + Smartworking
 
  • Potremmo comunicare la nostra personalità anche da lontano in call nella nostra sala da pranzo
 
e trasmettere agli interlocutori l’importanza che stiamo dando a questa call
 
Bene, direi che adesso abbiamo un angle interessante per contestualizzare il nostro messaggio
 
il contesto molte volte fa parte della tempistica stessa.
 

Adesso parliamo di Rilevanza

 
Essere rilevanti è la chiave che ci fa interrompere di scrollare in modo compulsivo quando siamo su Facebook annoiati
 
È quella cosa che ci fa pensare:
 
Hey, un attimo, questa cosa parla proprio a me!
 
Questa cosa merita la mia attenzione!
 
Andiamo con un esempio?
 
Metti che questo bracciale, chi lo vende, lo ha studiato per un certo tipo di persone di un certo tenore di vita
 
Essendo un bracciale non proprio economico (dai €300+) e vista la qualità dei materiali pregiati
 
il nostro target è quello di donne che ricoprono un certo ruolo lavorativo tra cui:
 
avvocato, commercialista, dirigente, moda e via dicendo
 
questo implica un certo stile di vita e una certa disponibilità economica
 
Quindi il messaggio deve essere oltre che contestualizzato,
 
rilevante a questo tipo di persone
 
deve parlare la loro lingua!
 
Mettiamo un tassello in più: Buyer Personas
 
non mi dilungo sul significato che puoi trovare tranquillamente su google,
 
ma diciamo che faremo una radiografia di queste persone:
 
Cosa cercano online di solito?
 
Cosa acquistano di solito?
 
Cosa amano leggere?
 
Quali sono i loro problemi?
 
Dove si informano?
 
Sono persone impulsive o riflessive?
 
Da qui comincia la nostra ricerca, che avviene sempre online
 
Iniziamo da capire quali posti “frequentano” online
 
Facebook? Instagram? Quora? Alfemminile? Grazia? Yahoo Finanza?
 
Approfondirò questo con un prossimo articolo scritto con un esperto di micro-dati, non te lo perdere.
 
Quindi adesso abbiamo il CONTESTO + RILEVANZA + TEMPISTICHE
 
Come facciamo quindi a creare un messaggio che catturi l’attenzione del nostro target specifico?
 
Prodotto: Bracciale in materiale pregiato 300
 
Target: donna, 35-55, smart working, bancaria/avvocato
 
Contesto: Pandemia, Smart Working, Natale, Black Friday
 
Rilevanza: Parla a te che fai questo nella vita, nel mondo in cui tu ne parli
 
Tempistiche: ti fa vedere questo prodotto nel momento in cui tu sei online
 
Inizia a farsi più chiara l’idea di come usare questi 3 fattori per catturare l’attenzione del nostro utente?
 
Penso di si.
 
Ma ecco due esempi che ho trovato in giro sul web, di due campagne pubblicitarie pertinenti con i 3 aspetti di cui abbiamo appena parlato (contesto, rilevanza, tempistica)
 
 

 

I micro mondi dell’attenzione

catturare attenzione

 
 
Fino a diversi anni fa, quando i social non erano ancora esplosi
 
era comune ritrovarsi al bar, in classe, a lavoro
 
per parlare della trasmissione o del film visto la sera prima in TV
 
e c’era una buona probabilità che in molti avessero visto la tua stessa cosa.
 
questo perchè? non esisteva internet?
 
Si esisteva, ma il grande schermo funzionava ancora da grande catalizzatore
 
come l’informazione stampata aveva ancora grande quota di mercato
 
Con l’esplosione dei social e la possibilità di essere noi stessi fonti d’informazioni e d’intrattenimento
 
ci sono sempre più punti di vista e personalità
 
si sono quindi creati tanti micro mondi nella testa delle singole persone che catalizzano l’attenzione
 
Ti faccio un esempio:
 
Gli “influencer” prima erano i VIP,
 
ovvero chi aveva un grande riflettore su di se, per cui paparazzi e co cercavano il nuovo scoop
 
adesso ognuno di noi può avere voce in capitolo e diventare un piccolo o grande influencer
 
questo cosa vuol dire?
 
che ormai non c’è più il VIP di turno o la Serie di turno che catalizza l’attenzione della maggior parte delle persone
 
ma c’è una frammentazione pazzesca della nostra attenzione,
 
ognuno di noi ha dei micro mondi all’interno della sua testa e può crearne altrettanti
 
per cui io potrei seguire la serie X di Netflix ma allo stesso modo vedere su Instagram il cortometraggio di uno studio di Torino
 
La mia attenzione è presa da entrambi,
 
e nonostante sia più facile commentare con gli altri la serie di Netflix, anche lo studio di Torino ha preso la sua parte
 
come nella mente del mio interlocutore ci potrà essere il video di un giovane regista ma anche il Collegio
 
Tutto questo l’ha spiegato anche Luis, il giovane youtuber all’interno di una puntata di Muschio Selvaggio
 
Qui trovi il link (minuto 48.10)
  
Capisci quanto è fondamentale comunicare nella maniera corretta per catturare l’attenzione dei nostri utenti?
 
Non è una sfida semplice.
 
Ma è quella che ti farà comunicare in modo meno markettaro nei tuoi messaggi e alzerà il CTR dei tuoi annunci
 
Diciamocelo
 
nessuno ama la pubblicità, 
 
ma si può amare il messaggio che trasmette, 
così come si può amare l’interprete;
 
Ma la cosa che si può amare di più è se parla di noi, a noi, con noi.
 
Come se fosse quell’amico che sa tutto di noi e senza dirgli nulla anticipa il nostro pensiero.
 
Adesso voglio che tu rifletta sui tuoi messaggi pubblicitari, sulle tue ads e sulle tue campagne
 
se il rapporto tra le persone che vedono i tuoi messaggi pubblicitari e quelli che cliccano è notevolmente basso (CTR)
 
Inizia a domandarti se stai parlando la lingua del tuo target
 
chiediti se sei rilevante, se il tuo messaggio è contestualizzato, se la tempistica è quella giusta
 
o se stai semplicemente facendo solo pubblicità.
 
Questo articolo finisce qui,
 
Ti ringrazio per averlo letto e come sempre ti aspetto nei commenti.
 
Ci vediamo al prossimo articolo, stavolta a 4 mani.
 
Lorenz
 
P.S. Ho una mailinglist per pochi intimi dove condivido queste perle e molto altro, ti va di unirti? Eccola qua
 

Condividi sui Social

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

ISCRIVITI ALLA CONVERSLETTER

conversionfocus.net © 2020 | P.IVA 02462380979